• Buonconvento

    Museo della Mezzadria senese

Il Museo della Mezzadria Senese di Buonconvento è stato realizzato nei suggestivi spazi seicenteschi di un antico granaio padronale per documentare e far rivivere, con un allestimento storico e altamente evocativo, un mondo rurale ormai scomparso che ha caratterizzato, fino agli anni Sessanta, il paesaggio e la società toscane.

Il museo ripropone spaccati di vita e di lavoro dei contadini e raccoglie le diverse testimonianze sulla mezzadria, un rapporto di conduzione della terra in cui il proprietario metteva il capitale fondiario e il colono il suo lavoro e quella della sua famiglia, con la divisione finale dei frutti della terra in parti uguali.

Il percorso, attraverso foto d’epoca, oggetti originali, passi letterari, musiche, filmati e documenti d’archivio, presenta apposite postazioni multimediali e numerosi personaggi parlanti che rimandano alle figure tipiche della fattoria: il proprietario, il fattore, il capoccia, la massaia.

L’allestimento si articola su due piani: nel primo si succedono le sezioni dedicate al paesaggio agrario, alla fattoria e alla trebbiatura che rappresentava la fine dell’anno agrario, ma anche al mulino e al borgo rurale con le sue attività. Al secondo piano si sviluppano alcuni temi legati al podere e al lavoro nei campi e soprattutto alla vita della famiglia mezzadrile, con la ricostruzione dell’ambientazione della casa colonica, nella quale si riconoscono oggetti e attività tipici della tradizione contadina.

L’allestimento è caratterizzato da un’atmosfera fortemente evocativa, accresciuta dall’assenza di pannelli esplicativi; la spiegazione e la descrizione degli ambienti sono affidate a una voce narrante nelle diverse stanze.

Il Museo, oltre agli spazi allestiti, dispone di altri luoghi per le diverse attività, in particolare alcuni locali per i laboratori didattici che permettono ai bambini di ripercorrere una delle esperienze fondamentali della cultura storica locale e nazionale: il museo sviluppa così la propria missione di “traduttore” e intermediario della memoria tra le diverse generazioni.

Vecchie scarpe contadine: le scarpe erano un bene di lusso della società contadina e venivano utilizzate sono in occasioni speciali. Basta osservare le foto esposte nel museo per accorgersi che i ragazzi erano quasi sempre scalzi…

Ricostruzione della casa colonica: in una suggestiva atmosfera è possibile percorrere gli spazi di una casa contadina e comprendere la vita familiare dei mezzadri


Museo della Mezzadria senese
Tinaia del Taja (Piazzale Garibaldi)
53022 – Buonconvento
Tel. 0577 809744 – 338 423 3977
email: museibuonconvento@gmail.com
www.museibuonconvento.com

 

ORARI DI APERTURA

lunedì e martedì: chiuso
da mercoledì a venerdì ore 9-13
sabato e domenica ore 10-13 e 16-19

 

INFOPOINT

lunedì: chiuso
da martedì a venerdì ore 9-13
sabato e domenica ore 10-13 e 16-19

 

la biglietteria chiude 30 minuti prima della chiusura del museo

 

su prenotazione
il museo è aperto tutto l’anno per per gruppi e scuole (telefono 338 4233977)

 

BIGLIETTI

intero: € 3,00

ridotto: € 2,00
minori da 6 a 12 anni; over 65 anni

promozione speciale intero: € 5,00
biglietto cumulativo con ingresso Museo di Arte Sacra della Val d’Arbia e Museo della Mezzadria

promozione speciale ridotto: € 3,00
biglietto cumulativo con ingresso Museo di Arte Sacra della Val d’Arbia e Museo della Mezzadria

gratuito
bambini fino a 6 anni, persone diversamente abili con accompagnatore


Come molti dei luoghi della Val d’Arbia, Buonconvente deve la sua fortuna alla strada Francigena, della quale è sempre stato, nella zona, un importante punto di riferimento, per gli scambi, il transito e la sosta. Il piccolo borgo fortificato, sorto alla confluenza dei fiumi Arbia e Ombrone, si sviluppa, infatti, lungo la via maestra sulla quale si affacciano la Chiesa parrocchiale dei santi Pietro e Paolo, di origine trecentesca ma rifatta all’inizio del XVIII secolo, che conserva opere di Matteo di Giovanni e di Pietro di Francesco Orioli, l’oratorio di san Sebastiano e il Palazzo Pretorio, con la torre curiosamente somigliante alla Torre del Mangia di Siena e gli stemmi dei podestà senesi, sulla facciata. Lungo la strada principale spiccano alcune deliziose palazzine liberty.

Il paese è ancora racchiuso entro le mura tardo medievali. Soggetto a frequenti assalti e distruzioni tra XIII e XIV secolo, Siena decise di fortificare il borgo dotandolo anche di una rocca. L’unica porta superstite è quella senese, affiancata al cassero, costruita sul modello di quelle cittadine.

FMS20

Mostre d'autunno nei musei delle terre di Siena!

Mostra

Buonconvento rivive negli scatti di Ferruccio Malandrini

Evento

TMR Impro Festival: la musica risuona nelle terre di Siena