Login
Login
Registrazione
 
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Linkedin
  • pinterest
  • rss
Musei delle Terre di Siena
 
Domenico Di Bartolo

Per la prima volta la sua città natale, Asciano, nelle crete senesi, dedica una mostra al grande pittore rinascimentale Domenico di Bartolo Ghezzi nei locali di Palazzo Corboli, sede del museo civico archeologico e d’arte sacra, intitolata “DOMENICO DI BARTOLO. CRONACHE DI MISERICORDIA”. 

Aperta dal 6 maggio al 11 agosto, il programma prevede per la giornata inaugurale  la Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi intitolata “Domenico di Bartolo, missione Firenze, tra slanci e contraddizioni” (Chiesa monumentale Sant’Agostino, ore 17.00).

Il pittore nato ad Asciano nel 1400/1404 e vissuto fino al 1444/47 lavorando tra Firenze, Perugia e Siena, fu interprete autentico del Rinascimento senese. Fra le opere esposte la ‘Madonna dell’Umiltà’ e la ‘Vergine Assunta’ conservate a Siena, un ‘graduale miniato’ che proviene da Pomarance ma anche lavori di artisti come Luca della Robbia e Jacopo della Quercia che molto lo influenzarono

Le opere dell’artista dialogheranno così con quelle presenti nel museo, inserito dal Daily Telegraph tra i «dieci piccoli musei più belli d’Italia», tra cui le opere di Francesco di ValdambrinoMartino di BartolomeoMatteo di Giovanni,il Maestro dell’OsservanzaAmbrogio Lorenzetti.

La mostra (presentata a Roma alla Camera dei Deputati con il critico d’arte Vittorio Sgarbi) è promossa e organizzata dalla Pro Loco, in collaborazione con il Comune di Asciano, e con il contributo di sponsor privati (Banca Cras, De Gortes, Treemme, De Munari, Lodovichi, Segis). 

_

Maggiori informazioni: 338-1957651

_