Login
Login
Registrazione
 
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Linkedin
  • pinterest
  • rss
  • 43 musei,
    43 musei,  un unico sistema museale
Musei delle Terre di Siena
 
BluEtrusco 2018

Dopo l'anteprima, che si è tenuta lo scorso aprile, viene ufficializzata, venerdì 13 luglio, alle ore 17.00, l'apertura di BluEtrusco, l’unico grande festival dedicato agli Etruschi.

L'evento, alla sua quarta edizione, è ideato e organizzato dal Comune di Murlo, con la collaborazione di Fondazione Musei Senesi, Soprintendenza per i Beni archeologici della Toscana, Archeo e associazioni locali. Sono coinvolte Università e importanti istituzioni culturali internazionali, oltre a Provincia di Siena e Regione Toscana

 “Siamo impazienti di iniziare a vivere l'atmosfera di Bluetrusco – dichiara il sindaco di Murlo Fabiola Parenti – la quarta edizione è caratterizzata da un programma ricco di poliedriche iniziative in grado di cogliere l'interesse di un pubblico vasto".

Il Festival Bluetrusco rappresenta un unicum nel panorama culturale che la città di Murlo ha l’orgoglio di organizzare ed ospitare ormai da quattro anni consecutivi. La formula ideata dal Comune di Murlo con la supervisione del direttore scientifico Giuseppe M. Della Fina e la collaborazione dell’Associazione Culturale di Murlo, della Pro Loco e di tutte le altre associazioni della città, rappresenta una scommessa vinta nel segno della cultura. La  complementarietà delle arti, che è possibile ammirare durante il festival, abbinata agli appuntamenti didivulgazione e approfondimento scientifico permettono a Bluetrusco di ambire ad essere un punto di riferimento nel panorama internazionale per la conoscenza della storia e della cultura dell’Etruria e del popolo etrusco. 

Murlo, circondato da uno straordinario territorio custode di antiche testimonianze quale borgo centrale della civiltà etrusca, rappresenta il naturale palcoscenico di un festival che ogni anno dimostra di essere sempre più catalizzatore di attenzione intorno a sé.
La crescita che il festival ha saputo sviluppare nel corso degli anni è evidente anche dal fatto che il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha concesso il proprio patrocinio alla manifestazione. 

Particolare, suggestivo e naturalmente legato al popolo etrusco anche il tema che quest’anno è stato scelto come filo conduttore ovvero il miele che come sappiamo era un vero e proprio culto per gli antichi etruschi in quanto impiegato anche in ambito farmaceutico e cosmetico.
Caratteristiche che trasformarono il dolce prodotto delle api in un vero e proprio alimento considerato sacro e miracoloso.

Nella giornata inaugurale (al taglio del nastro, tra gli altri, il sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni), il concerto della Cantoria dell’Accademia nazionale di  Santa Cecilia e una tavola rotonda sul senso della bellezza, con autorevoli giornalisti. Venerdì 14 luglio il primo spettacolo esclusivo: “Amare Velia”, a cura di Marco Falagiani (coautore delle musiche del film “Mediterraneo”, e di tanti altri successi). Quindi, altre primizie musicali: “Rasenna Echoes” il 15 luglio; “Il blu e la luna nelle canzoni celebri” il 16; un quintetto guidato da Deniss Paschkevic, celebre musicista lettone al suo primo concerto italiano il 22; il recital “Gli Etruschi non se ne sono mai andati” con Marco Brogi  e Nicola Costanti il 23. Da segnalare anche il teatro con Alessandro Calonaci e la compagnia Mald’Estro in un classico di Shakespeare come “Sogno di una notte di mezz’estate” che in realtà attinge a piene mani da Boccaccio e dalle tradizioni orali toscane, il 22. Da non perdere le letture di brani di Elie Wiesel (con Pino Strabioli voce narrante, il 28) e di Elisabeth Hamilton Gray (Orsetta De Rossi, il 29). Chiusura in bellezza domenica 30 luglio, con una grande voce che arriva da New york: Joyce E. Yuille, che si esibisce con il gruppo Jazz.  Bluetrusco offre anche le “Classiche colazioni”, con prodotti a chilometro zero e musica da camera dal vivo, degustazioni di prodotti locali, ambientazioni musicali al museo. E, ancora, visite guidate e le “veglie” del giovedì con “l’ultimo etrusco”, Luciano Scali. Per l’occasione sono state ricostruite una cetra e un telaio antico, sul quale prendere lezioni. A settembre ci saranno iniziative legate sull’agroalimentare, con la presentazione di una proposta di lavoro su olivi e viti, per la ricostruzione di un paesaggio antico, in collaborazione con l’Università di Siena, le associazioni nazionali delle Città del vino e delle Città dell’olio.
_

Scopri il programma completo delle inziative:

 BluEtrusco 2018 - Programma