Login
Login
Registrazione
 
  • Facebook
  • Twitter
  • Youtube
  • Linkedin
  • pinterest
  • rss
  • 43 musei,
    43 musei,  un unico sistema museale
Musei delle Terre di Siena
 
Il Buon Secolo della Pittura Senese a Pienza

IL BUON SECOLO DELLA PITTURA SENESE

Dalla Maniera moderna al Lume Caravaggesco

La grande mostra che si svolge in tre  straordinarie città gioiello del Senese e che resterà a parta fino al 30 giugno 2017, si ispira, nel titolo, ad una frase dell’abate Luigi Lanzi, storico dell’arte vissuto tra ‘700 e ‘800 ed è dedicata ad uno specifico periodo storico che va dagli inizi del XVI alla metà del XVII secolo, quando l’arte senese brillava di eccellenti e singolari personalità artistiche, a tutt’oggi, nella maggior parte dei casi, ancora troppo poco note al grande pubblico.

Allo scopo di migliorare la loro conoscenza, nasce l’idea di questa originale rassegna in cui le città di Montepulciano, S. Quirico d’Orcia e Pienza ospitano ciascuna, prendendo spunto da un capolavoro che si trova già sul loro territorio, una sezione espositiva dedicata ad un importante artista senese ed al suo ambiente.

Ogni singola sede quindi è, di per sé, una straordinario scrigno di importanti capolavori che merita un singolo, dettagliato, approfondimento.

PIENZA - CHIESA DI SAN CARLO BORROMEO 

La presenza, nella chiesa di San Carlo Borromeo che è parte integrante del circuito di visita del nuovo polo espositivo del Comune di Pienza, di una splendida ma poco conosciuta pala di Francesco Rustici, permette di costruire attorno a quest’opera un’interessante esposizione monografica riguardante l’attività del Rustichino, pittore di grande abilità ma poco conosciuto al grande pubblico, morto poco più che trentenne, con un catalogo quindi molto ridotto ma da considerarsi come uno dei maggiori esponenti del naturalismo caravaggesco a Siena. Si tratta quindi della grande opportunità di vedere riunito, in un’unica sede e per la prima volta,  un buon numero di opere di questo raro ma eccellente artista. 

Sono esposti, inoltre, a confronto, alcuni dipinti di Rutilio Manetti, forse il più conosciuto tra i rappresentanti senesi di questo movimento stilistico, Domenico Manetti, Astolfo Petrazzi, Niccolò Tornioli e Bernardino Mei, pittori anch’essi che, nella loro arte,  subirono l’influsso del caravaggismo.

Accanto ai suddetti quadri, sono presenti alcune opere dei pittori tardo manieristi legati per parentela al Rustici, nel cui ambiente egli ricevette la prima formazione quali Cristofano Rustici, Vincenzo Rustici e Alessandro Casolani oltre a dipinti di Antiveduto Grammatica e Orazio Gentileschi, considerati tra i suoi maestri ispiratori.

La sede dell’esposizione è stata individuata nei suggestivi ambienti del piano terra dell’ex Conservatorio S. Carlo Borromeo, già adibiti a sede museale, contigui e comunicanti con l’omonima chiesa in cui si conserva la pala del Rustici. Essi, indubitabilmente,  offrono la possibilità di creare, in un edificio storico e prestigioso, un percorso espositivo perfettamente coerente con l’importanza della manifestazione.

 

Il percorso espositivo risulta diviso in quattro sezioni:

La prima sezione, intitolata: “I precedenti: la bottega dei Rustici e Alessandro Casolani”, sarà dedicata a illustrare alcune opere di Cristofano Rustici, Alessandro Casolani e Vincenzo Rustici.

La seconda sezione dal titolo: “Gli ispiratori e i soggiorni romani”, comprende opere di Orazio Gentileschi e di Antiveduto Gramatica, oltre ad una copia del Mondafrutto di Caravaggio.

La terza sezione: “I pittori naturalisti contemporanei” è dedicata ad una selezione di pittori senesi, contemporanei del Rustichino che, in vario modo, sono stati influenzati dal naturalismo caravaggesco come, tra gli altri, Rutilio e Domenico Manetti, Astolfo petrazzi, Niccolò Tornioli e Bernardino Mei.

La quarta sezione, “Francesco Rustici detto il Rustichino, caravaggesco gentile” presenta un notevole numero di opere e riguarda tutta l’attività di Francesco Rustici durante il breve arco della sua esistenza, dalle prime creazioni, ancora fortemente manieriste, eseguite sotto l’influsso paterno, ai dipinti della tarda attività, carichi di drammaticità e bagliori caravaggeschi.

_

Biglietti e catalogo acquistabili online

 https://www.weekendinitaly.com/it/siena/museo_dett/235-pacchetti-combo/9570-il-buon-secolo-della-pittura-senese.html

  

 

I sezione_

I precedenti: la bottega dei Rustici e Alessandro Casolani

 

1. Alessandro Casolani, Sacra Famiglia con S. Giovannino e S. Caterina, olio su tela, Siena, Collezione Chigi Saracini, cm 116x88

 

2. Cristofano Rustici, Guarigione del cieco, Siena, Collezione Chigi Saracini, tempera su tela, cm 64x150,5

 

Vincenzo Rustici, Sacra Famiglia e i Santi Francesco e Caterina, Pienza, Museo Diocesano olio su tela, cm 100x72,5 (resta in sede)

 

3. Vincenzo Rustici, Sant’Ansano battezza una bambina, Siena, Fondazione Monte dei Paschi, olio su tela, cm 99,5x99,5

 

 

II sezione_

Gli ispiratori e i soggiorni romani

 

5. Anonimo pittore del XVII secolo, Mondafrutto, Siena, Collezione Chigi-Saracini, olio su tela, cm 64x55,5

 

6. Antiveduto Gramatica, Sacra Famiglia con san Giovannino, Collezione privata, olio su tela, cm 105x128

 

7. Antiveduto Gramatica, Allegoria della Purezza, Collezione privata, olio su tela, cm 74×59

 

8. Orazio Lomi Gentileschi, Madonna col Bambino (Madre che avverte la tragedia che attende il Figlio), Collezione privata, olio su tela, cm 139,8×98

 

 

III sezione_

La pittura naturalista a Siena

 

Rutilio Manetti, Madonna in cielo in una gloria di angeli e i santi Albano martire e Pietro apostolo, Buonconvento, Museo d'Arte Sacra della Val d'Arbia, olio su tela, cm 250×180 (resta in sede)

 

Rutilio Manetti, La Madonna del Rosario salva una fanciulla annegata nel fiume. Misteri del Rosario, San Quirico d’Orcia, Collegiata dei Santi Quirico e Giulitta (dalla chiesa campestre della Madonna del Rosario), olio su tela, cm 321×201 (resta in sede)

 

Rutilio Manetti, Sposalizio della Vergine, Sinalunga, chiesa di San Martino, olio su tela, cm 356×209 (resta in sede)

 

9. Rutilio Manetti, Giocatori e suonatori a lume di candela (Allegoria del vizio del gioco e della lussuria), Siena, Collezione Chigi Saracini, olio su tela, cm 120,5×179,5

 

10. Rutilio Manetti, Ecce Homo, Buonconvento, Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia, olio su tela, cm 60×43

 

11. Astolfo Petrazzi, Suonatrice di liuto con strumenti musicali, Siena, Pinacoteca Nazionale,  olio su tela, cm 114x153, 5

 

12. Niccolò Tornioli e Giovan Battista Pace, Sacra Famiglia con san Giovannino, Collezione privata, olio su tela, cm 132x94

 

13. Domenico Manetti, La Carità Romana, Siena, Banca Monte dei Paschi, olio su tela, cm 162x143

 

14. Bernardino Mei, Amore curato dal Tempo con l’acqua del fiume Lete, olio su tela, Siena, Banca Monte dei Paschi, cm 160x180

 

 

IV sezione_

Francesco Rustici detto il Rustichino, caravaggesco gentile

 

15. Francesco Rustici detto il Rustichino, Sacra Famiglia con San Giovannino, Siena, Banca Monte dei Paschi, olio su tela, cm 95x68,5

 

16. Francesco Rustici detto il Rustichino, San Giovanni Battista, Firenze, Collezione Massimo Vezzosi, olio su tela, cm 138x106,5

 

Francesco Rustici detto il Rustichino, Madonna col Bambino, i santi Giovannino, Onofrio e Bernardo Tolomei, Montalcino, Museo Civico e Diocesano d’Arte Sacra, olio su tela, cm 103x82 (resta in sede)

 

Francesco Rustici detto il Rustichino e Vincenzo Rustici, Madonna del Rosario con i Santi Simeone e Caterina d’Alessandria. Misteri del Rosario, Castiglione d’Orcia, Chiesa parrocchiale dei Santi Stefano e Degna, olio su tela, cm. 245x174 (resta in sede)

 

17. Francesco Rustici detto il Rustichino, Ritratto di giovane, Montepulciano, Museo Civico Pinacoteca Crociani, olio su tela, cm 54x41

 

18. Francesco Rustici detto il Rustichino, Visitazione, Collezione privata, olio su tela, cm 142x101

 

19. Francesco Rustici detto il Rustichino, Crocifissione, Colle di Val d’Elsa, Convento delle Cappuccine, olio su tela a lunetta, cm 75,5 x 151

 

20. Francesco Rustici detto il Rustichino, Maddalena assistita da tre angeli, Firenze, Collezione Massimo Vezzosi, olio su tela, cm 91x77

 

21. Francesco Rustici detto il Rustichino, Sacra Famiglia con San Giovannino e Michele Arcangelo, Siena, Banca Monte dei Paschi, olio su tela, cm 117x 88

 

22. Francesco Rustici detto il Rustichino, San Carlo Borromeo; Girolamo Corsetti, Stemmi e decorazioni, biccherna 86, Siena, Archivio di Stato, olio su tela, cm 127 x 145

 

23. Francesco Rustici detto il Rustichino, Allegoria della Pittura e dell'Architettura, Firenze, Galleria degli Uffizi, olio su tela, cm 129,7×97

 

24. Francesco Rustici detto il Rustichino, Madonna col Bambino e i santi Carlo Borromeo, Francesco e Caterina da Siena, Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, penna, acquarello bruno, biacca su una traccia a matita nera, mm 332x234

 

25. Francesco Rustici detto il Rustichino, Madonna col Bambino e i Santi Carlo Borromeo, Francesco, Chiara, Caterina da Siena e Giovanni Battista, Pienza, Palazzo Borgia Museo Diocesano, olio su carta applicata su tela, cm 51x41

 

26. Francesco Rustici detto il Rustichino, Madonna col Bambino e i Santi Carlo Borromeo, Francesco, Chiara, Caterina da Siena e Giovanni Battista, Pienza, Chiesa di San Carlo Borromeo

olio su tela, cm 296 x 207

 

27. Francesco Rustici, detto il Rustichino, Madonna col Bambino e i santi Giovanni Battista, Caterina da Siena, Bernardino da Siena e Francesco d’Assisi, Sinalunga, SS.ma Vergine Maria Assunta in Cielo all’Amorosa, olio su tela, cm 222x160

 

28. Francesco Rustici, detto il Rustichino, Madonna del Rosario con i santi Caterina d’Alessandria, Anna, Antonio Abate, Bernardino e Carlo Borromeo, Montalcino, chiesa di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo in Colle, olio su tela, cm 283x187,5

 

29. Francesco Rustici detto il Rustichino, Conversione della Maddalena, Montecarlo (Principato di Monaco), Galleria Maison d’Art, olio su tela, cm 125×93

 

30. Francesco Rustici detto il Rustichino, Sant'Agnese, Roma, Collezione Giuseppe Resca, olio su tela, cm 132x95

 

31. Francesco Rustici detto il Rustichino, Maddalena morente, Firenze, Galleria degli Uffizi,

olio su tela, cm 148,5 x 219